Appello a Marco Corona – Dov’è finito Walt?

Scrivere e illustrare un fumetto, che abbia la forma di libro o di romanzo, non è compito semplice. Ancora più arduo è scrivere una storia a forma di elefante e, che io ne sappia, solo una persona ci è riuscito. Impostare una narrazione non lineare è una scelta scellerata. Chi è il coraggioso che decide di rappresentare solo i simulacri del significato? Solo chi è genuinamente folle, con un coraggio cieco ed esperianza concreta, riesce nell’impresa.

Copertina di L'ombra di Walt di Marco Corona

Nel 2008 Marco Corona ci regalò L’Ombra di Walt, una finestra su un mondo più reale del vero. Un luogo mesto, squisitamente povero, dove la guerra c’è già stata e la grande depressione aleggia nell’aria ricoprendo come polvere invisibile ogni cosa. Walt è un artista che ritrae le puttane e colleziona frammenti di pellicole, ricordi di un passato che sta scomparendo. Gli acquarelli delle tavole di Corona svaniscono e incidono come pugni.

Illustrazioni di prostitute

Leggere L’Ombra di Walt appaga pienamente e riesce. Concretizza le inquietudini e prevede gli anni che verranno, anni in cui il passato viene sempre più dimenticato e i sogni non consolano. In Walt Corona riesce a fare sintesi di tutta la sua esperienza. Surreale, non spiegabile, o invece il contrario. Ma capire, nell’epoca della morte dell’intelligenza, a che serve? Solamente conta l’esperienza di per sè. Difficile, molto difficile riuscire nell’impresa.

Copertina de L'ombra di Walt 2 di Marco Corona

Corona, senza colpo ferire, regala un seguito. A.D. 2009 nelle fumetterie arriva L’Ombra di Walt 2. La strada diventa ancora più ampia. I colori risplendono, proprio come frutti marci. Anzi, proprio nel momento in cui il colore del frutto è al suo massimo e non può che marcire. Il marcire, il destino dell’ halber-mensch è lì dietro l’angolo, anzi dietro la pagina. Rimani stupito dopo la lettura. Per un attimo alleggi nella nuvola sacra dell’imbecillità.

La morte vestita di rosso in una borgata di montagna. Illustrazione di Marco Corona
Quarta di copertina – Immagine tratta dalla pagina fb dell’autore

Il secondo episodio racconta il prima della guerra, quando il pittore promettente deve affrontare il compito più difficile, ovvero diventare un artista “mantenente”. Il carnevale, con le sue maschere che nascondono ghigni epilettici, è condizione perenne nella città. Il mondo alla rovescia, il caos. Chiuso nel suo studio Walt con la sua arte rigorosa deve mettere ordine.
Il grande Carnevale nella città di Walt. Illustrazione di Marco CoronaNel mercato nero si può trovare qualsiasi cosa, ma sopratutto vengono spacciate storie. Un attore racconta tramite un grammofono tre storie: L’Oca Malata, La morte regnava sovrana nel piccolo villaggio di Q. e Il pittore promettente. Nell’ultimo racconto si ritorna quindi a Walt. Un ritorno che appare come un martellare filosofico. I vecchi dissero, ci sarà la guerra, ma nessuno prestò credito alle loro parole e nessuno fece nulla. Una stagione al’inferno in cui la gente non fa altro che festini e tutto il vino scorre.

Che il pittore promettente sia Marco Corona?
Immagine presa dalla pagina Facebook dell’autore


In seguito Corona, sbattendosene allegramente le palle, continuò deciso il suo cammino. Non sapremo più nulla di questa dimensione ombrosa, i misteri rimangono velati. I simboli, simulacri di significato, da quasi un decennio restano minacciosi e senza via d’uscita. C’è da dire che non ci è mai stato promesso alcunchè. Tra Roma e Pinocchio, Corona non si cristallizza mai. Noi, però, chiediamo pubblicamente a Corona di ritornare veggente e di raccontarci ancora del mondo di Walt. Corona, vogliamo L’Ombra di Walt 3. Ne abbiamo bisogno. Capiamo che le istanze artistiche non ti tengono fermo, abbiamo visto la tua evoluzione tra Bestiari Padani, artiste messicane, La Colombia, i Riflessi. Non ti chiediamo di ritornare al passato, ma semplicemente di riaffrontare un mondo. Forse non siamo in tanti ad averne bisogno, ma il bisogno nostro è una moltitudine. Dov’è finito Walt? Cosa fa oggi? C’è ancora il governo provvisorio? Come sta l’uccello? C’è una possibilità di rendenzione a tutta questa polvere? Ci regalerai ancora tavole belle come questa?

Sul database sono già stati schedati: L’ombra di Walt,  L’ombra di Walt #2. Sicuramente io non metterò mai in vendita questi due volumi e credo che ormai non siano di semplice ritrovamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *