Le flatulenze filosofiche di Tsuge ne L’uomo senza talento

Da pochissimo è arrivato nelle fumetterie L’uomo senza talento di Yoshiharu Tsuge, edito da Canicola e tradotto da Vincenzo Filosa. Recensire un titolo così importante, canto del cigno di Tsuge pronto a ritirarsi dalle scene, è una operazione per la quale non ho le competenze né le abilità. Stiamo parlando di un opera importante, in cui lo scontro tra antiche filosofie orientali e l’individualismo moderno viene filtrato dall’angoscia e dalla disillusione tipica della fine del Novecento. Mi inchino davanti quest’opera e il consiglio dell’acquisto e della lettura è scontato.

Copertina de L'uomo senza talento di Yoshiharu Tsuge

Ho deciso non di offrirvi una recensione o di approfondire le riflessioni esistenziali, ma preferisco piuttosto prendere spunto dal libro di Tsuge per proporvi un viaggio in alcune tematiche care al paese del Sol Levante. La prima è quella dell’ozio che approfondirò in un prossimo post. Il secondo tema, decisamente più puzzolente, mi è stato suggerito da questa tavola:

tavola de L'uomo senza talento in cui i discorsi filosofici dei due protagonisti vengono interroti da un peto.

Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso: nell’arte a volte ci si serve del volgare e della bassezza per temi esistenzialmente fondamentali. Una scorreggia come un koan buddista può portare all’illuminazione. La discussione dei due personaggi su concetti estetici, riassumibili nel concetto di bellezza imperfetta wabi-sabi (侘寂), e su come l’individualismo occidentale sia incapace di raccontare l’essenza delle cose viene interrotta da una sonora scorreggia della vecchia moglie. Per quanto si possa dedicare la vita alla ricerca dell’autentica bellezza la realtà con tutte le sue istanze e bassezze ha la precedenza. Una sonora scorreggia può fermare qualsiasi sproloquio sui massimi sistemi.  Immagine dall'emakimono in cui un uomo ribalta un cavallo con un peto.

Bisogna ricordare che in Giappone, come in Cina, esiste tutta una letteratura e un’iconografia sull’argomento. Nel periodo Edo parlare di peti era cosa alquanto comune. Sul tema delle flatulenze possiamo trovare lo He-gassen, l’emakimono che racconta la Battaglia delle scorregge. Il famoso rotolo del 1846 è una riproduzione dell’originale che si pensa sia stato dipinto nel periodo Muromachi (133-1573).

Hiraga Gennai, irriverente “intellettuale” del periodo Edo, scrisse ben due saggi intorno al tema delle flatulenze: lo Hōhiron (Sui peti, 1774) e lo Hōhironkōhen (Sui peti, parte seconda). Questi due saggi in realtà hanno intento satirico verso coloro che, per ignoranza o malvolenza, distorgono gli insegnamenti Confuciani: la loro parola ha valore meno di un peto. Nonostante l’indagine accurata Hiraga giunge alla conclusione che un peto è un peto e nient’altro.

In Cina lo chiamano hōhi, nella zona centrale del Giappone hoku, nella regione di Edo hiru, le serviette di Kyōto onara. Tutti termini diversi, ma sta di fatto che a un peto segue sempre un puzzo.

Hiraga Gennai è decisamente caustico nel qualificare gli studiosi confuciani come heppiri jusha (“studiosi confuciani flatulenti, puzzoni, petomani”): non sono nient’altro che predicatori del niente. Come ulteriore canzonatura nello Hōhiron ad un samurai che sostiene che un vero guerriero, piuttosto di lasciarsi scappare un peto, si suicida, viene risposto:

“L’uomo è un universo in miniatura: il cielo tuona, l’uomo scorreggia”.

Queste due citazioni le possiamo trovare in La bella storia di Shidōken di Hiraga Gennai, a cura di Adriana Boscaro, edito da Marsilio. Per i linguisti cito anche il passaggio originale: 人は小天地なれば、天地に雷あり、人に屁(ヘ)あり. (Hito wa kotenchi nareba, tenchi ni rai ari, hito ni he ari. Traduzione di Adriana Boscaro.) E ritorniamo così alle corrispondenze tra alto e basso della tavola diamantina.

Ulteriore immagine dal rotolo in cui molti uomini scorreggiano e donne puliscono gli orifizi.

Nei manga due famosi peti possiamo trovarli in Dragonball, nello scontro tra Crilin e Bacterian Man del primo Tenkaichi, che (precisazione per gli amanti delle onomatopee) suona come puh.

Immagine del peto di CrilinOppure un’altra scorreggia dal fetore più filosofico del monaco Takuan di Vagabond che suona come baff.

Flatulenze di Takuan in Vagabond

Ancora nel demenziale/geniale Enomoto possiamo trovare peti a volontà (buuuu).

 

Questo viaggio nelle flatulenze dell’estremo oriente ci serve per spiegare quanto si senta nell’opera di Tsuge l’odore del Giappone autentico, tra kashihonya (librerie di libri e manga in affitto) polverose e velodromi, una autenticità oscura descritta da Tanizaki nel suo Libro d’ombra. Il fascino del Giappone infatti è nell’oscurità dei gabinetti tradizionali, nella patina lasciata dal tempo, nelle tenebre del teatro Nō.

Abbiamo schedato L’uomo senza talento su Becomix. Gli utenti del sito possono inserirlo facilmente nella loro collezione o nel marketplace. Per provare, suggerimenti e critiche andate su www.becomix.me o scriveteci a info@becomix.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *